domenica 28 luglio 2013

"Cibo criminale" a Salsomaggiore


Al gazebo di via Romagnosi a Salsomaggiore Andrea Villani ha presentato oggi tre autori: Marcello Simoni, Luca Ponzi e Eliselle, nell'ambito dell'iniziativa Diciottoeventi. Luca ha finalmente presentato il suo ultimo libro scritto con Mara Monti "Cibo Criminale" in ambito locale dopo Napoli, Milano e Roma e cento altri luoghi.
Sul palco anche Last Minute Quartet per la parte musicale. 

mercoledì 24 luglio 2013

Agromafia

Agromafia, quando il cibo è criminale

Affari e danni alla salute: da Ponzi e Monti, un viaggio nell'agromafia
Pubblicato il 24/07/2013 alle 10:27


Il cibo: dopo settori tradizionali come gli stupefacenti o le armi è una delle maggiori fonti di guadagno per la criminalità organizzata, capace secondo Eurispes di fatturare 12,5 mld l'anno.
Al fenomeno è dedicato "Cibo Criminale", di Luca Ponzi e Mara Monti.
Tramite documenti come sentenze e racconti di esperti qualificati, i due autori descrivono il fenomeno dell'agromafia. I suoi bersagli primari, marchi dal grande giro d'affari. Ecco allora il concertato di pomodoro, venduto come 100% italiano ma allungato con passata cinese di cattiva qualità. Oppure la mozzarella di bufala: in teoria fabbricata solo con latte di animali campani, in pratica con cagliate di scarto della Germania. Prosciutto di Parma, ottenuto da carne di origine ignota.
E, come spiegano gli autori, il danno di tali falsificazioni è duplice.
Per cominciare, l'agroalimentare legale viene privato di 60 mld l'anno, principalmente legati al commercio internazionale. Forse più preoccupante, il pericolo di avvelenamento di massa: secondo Ponzi e Monti, per la prima volta nella storia, il pericolo alimentare va oltre confini stretti e colpisce vari Paesi allo stesso tempo. Un olio d'oliva taroccato può danneggiare il consumatore italiano quanto il collega dell'Asia. Per citare il procuratore Pietro Grasso, "Oggi, sotto il profilo dell'agroalimentare, è come se ogni italiano avesse aggiunto un posto a tavola per la criminalità organizzata: c'è un criminale che oggi sta seduto attorno a noi e che gode del fatto che, dovendo noi consumare dei pasti, paghiamo una parte di denaro in più rispetto a quanto dovremmo, a fronte di una qualità inferiore".
Luca Ponzi, Mara Monti, "Cibo criminale. Il nuovo business della mafia italiana", Newton Compton 2013, 9,8 Euro
Matteo Clerici

sabato 20 luglio 2013

Un libro sotto l'ombrellone: consigliato da Teatro Naturale

Teatro naturale


Un libro sotto l'ombrellone: Cibo criminale. Il nuovo business della mafia italiana

Dai formaggi riciclati al triplo concentrato cinese che diventa italiano. Tutti i nomi dei protagonisti: Domenico Russo, Antonino Russo e Francesco Fusi. Sul caso Valpesana anche un estratto, che riportiamo, della relazione di Giovanni Lerker, consulente della procura

di T N
Due giornalisti d'inchiesta si sono dedicati a scavare nel mondo del cibo taroccato e dei legami con la criminalità organizzata.
Mara Monti e Luca Ponzi ricostruiscono, con documenti e sentenze, i traffici illeciti legati ai prodotti alimentari che ogni giorno portiamo in tavola.
Mozzarella di bufala, "l'oro bianco della Campania", ricavata da cagliate provenienti dalla Germania; concentrato di pomodoro spacciato come italiano ma ottenuto allungando passata cinese; prosciutti di Parma contraffatti; formaggi confezionati con scarti avariati, dannosi per la salute; olio proveniente da olive tutt'altro che nostrane.

domenica 14 luglio 2013

Come le organizzazioni criminali hanno messo le mani anche sul cibo.

Giovedì prossimo 18 luglio alle 21 in piazza a Roccabianca il circolo Legambiente "Aironi del Po" organizza, assieme al Circolo ArciRokka, la presentazione dell'ultimo libro di Luca Ponzi "CIBO CRIMINALE"
Come le organizzazioni criminali hanno messo le mani anche sul cibo. 

Roma: Cibo Criminale alla Camera


martedì 9 luglio 2013

Cibo criminale: news



News 


Il nuovo business della mafia italiana" scritto dai giornalisti Luca Ponzi e Mara Monti, racconta il mondo delle ecomafie e di cosa finisce realmente nei ...


Il nuovo business della mafia italiana" è il nuovo libro scritto dai giornalisti Luca Ponzi e Mara Monti dove si affrontano i casi di contraffazione dei ...


“Cibo criminale”, tutte le truffe della malavita servite sulla nostra tavola
http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/06/30/cibo-criminale-tutte-truffe-della-malavita-servite-sulla-nostra-tavola/642330/


Cibo criminale: il nuovo business della mafia italiana
Il libro-inchiesta che racconta dei crimini legati al cibo: molti prodotti made in Italy vengono il più delle volte importati dall'estero e spacciati per prodotti tipici locali attraverso la falsificazione del marchio di provenienza
http://www.udinetoday.it/speciale/earth-day/cibo-criminale-nuovo-business-mafia-italiana.html

venerdì 5 luglio 2013

Come la mafia ti entra nel piatto




Il libro "Cibo criminale. Il nuovo business della mafia italiana" scritto dai giornalisti Luca Ponzi e Mara Monti, racconta il mondo delle ecomafie e di cosa finisce realmente nei nostri piatti.

Redazione Earth Day Italia 4 Luglio 2013 

Tra i tanti aggettivi che possiamo spontaneamente accostare al sostantivo cibo, criminale davvero non ci verrebbe in mente. Eppure, a leggere il libro-inchiesta “Cibo criminale. Il nuovo business della mafia italiana” scritto dai giornalisti Luca Ponzi (Rai di Bologna) e Mara Monti (gruppo Sole 24Ore) si scopre che purtroppo può calzare perfettamente.

lunedì 1 luglio 2013

“Cibo criminale”, tutte le truffe della malavita servite sulla nostra tavola - Il Fatto Quotidiano


Il Fatto QuotidianoDal Prosciutto di Parma importato dall'estero e spacciato per italiano, ai pomodori cinesi, fino alla mozzarella di bufala "inquinata". Nel loro libro-inchiesta Mara Monti, giornalista del Sole 24 Ore e Luca Ponzi, della sede Rai dell'Emilia Romagna, ricostruiscono, attraverso documenti, sentenze ed intercettazioni alcuni dei maggiori casi di frode alimentare che negli ultimi anni hanno scosso il nostro Paese


“Cibo criminale”, tutte le truffe della malavita servite sulla nostra tavola - Il Fatto Quotidiano