mercoledì 30 gennaio 2013

Un cronista nel "cratere"



“Il terremoto visto da noi” era il titolo della conferenza svoltasi lo scorso 26 novembre nell’Auditorium di Medolla, con relatore il giornalista Rai Luca Ponzi (a destra). «Difficile spiegare a voi che cosa è il terremoto, posso però dirvi come abbiamo fatto a far conoscere questa situazione al resto del Paese». Così Ponzi, che lavora nella sede Rai dell’Emilia Romagna, ha aperto l'incontro organizzato dal circolo medico “Merighi” di Mirandola. Presentato dal presidente del Circolo Nunzio Borelli, il giornalista per quasi due ore ha spiegato come si è mossa la macchina dell'informazione.

Luca Ponzi ha analizzato lo sforzo compiuto dalla Rai, in particolare dalla redazione di Bologna, che per tutta estate ha garantito una finestra informativa quotidiana dall'area del sisma. «Abbiamo fatto il possibile per non far dimenticare le ferite subite da questa terra - ha confermato Ponzi - e siamo pronti a raccontare le vostre difficoltà anche oggi, che il terremoto non fa più notizia».Ma gli applausi sono arrivati soprattutto quando il giornalista ha raccontato il rapporto che si è instaurato con la gente dell’Emilia, che anche in un momento di lutto, di difficoltà, non ha mai dimenticato la propria anima ospitale e generosa.

Nessun commento: